Mi chiamo Ton Pret. Sono un artista, designer e pensatore creativo.

Mi chiamo Ton Pret. Sono un artista, designer e pensatore creativo. Ho uno stile molto personale, che è caratterizzato da un uso molto audace del colore, figure fantasiose e un’esplosione di entusiasmo, spontaneità, passione e positività. Grandi nomi del mondo artistico olandese e straniero, riconoscono un legame con lo stile CO.BR.A. del secolo scorso. Non importa come la gente lo chiami, è chiaramente il mio ‘Ton Pret Style’. Questo mio stile può essere meglio descritto come ‘realismo colorato di un’altra realtà’. Con il mio lavoro, voglio far emergere il positivo nelle persone portandole in un’altra realtà. Ho impiegato anni prima di decidere di divenire un artista. Sono un autodidatta, non ho mai voluto farmi guidare da regole precise, seguendo sempre la mia spontaneità e la mia inesauribile fantasia. I miei dipinti sono trasformazioni della realtà che cerco di condividere con lo spettatore, trasportato in un’altra dimensione da sperimentare in modo piacevole e speciale.

Le mie opere sono state esposte al Louvre di Parigi, ad Amsterdam (Rijksmuseum; Beurs van Berlage; Museo delle Borse), alla Kunsthal di Rotterdam, al Museo delle Scarpe di Waalwijk, al Triennale Design Museum di Milano, alla Fortezza da Basso in occasione della Biennale di Firenze. Collezionisti e appassionati non ricercano solo i miei dipinti e le mie sculture, ma anche i miei oggetti artistici speciali come scarpe, capi d’abbigliamento, orologi, occhiali da sole, chitarre, mobili, cover per iPhone. Uno dei miei clienti ha voluto che dipingessi la sua Ferrari e ora possiede l’opera d’arte più veloce d’Europa.

Ad un certo punto del mio percorso artistico ho incontrato un uomo molto speciale – si chiama Antonio Perotti – e fin dall’inizio abbiamo avuto un forte legame, divenuto presto una bellissima e profonda amicizia. Antonio è un grande artista, ceramista, designer e pensatore creativo. Per capirci non abbiamo bisogno di parole: lo facciamo attraverso i nostri cuori. Grazie ad Antonio, e insieme a lui, ho iniziato a disegnare mobili. Le nostre creazione hanno riscosso un successo persino superiore alle nostre aspettative. Non ho ricevuto solo tante richieste di collaborazione ma anche una lettera di complimenti da Alessandro Mendini, un autentico maestro del design con il quale forse lavoreremo insieme. Tutto questo, ripeto, grazie ad Antonio Perotti. Sempre grazie ad Antonio Perotti ho scoperto Salerno, città che considero ormai come la mia seconda casa, e conosciuto tante persone deliziose e speciali, con le quali siamo diventati amici. Amo tutti loro, ma voglio menzionarne uno: Alessandro Guerriero, uomo modesto, ma grande persona e grande designer, che rispetto molto.

Tempo fa, con il mio amico Antonio, sono venuto in visita a Oliveto Citra, paese che ho amato sin dal primo momento. Qui ho conosciuto Mino Pignata, una persona capace che ama i suo cittadini, l’arte e la musica. È nata così una bella collaborazione che ha portato alla creazione di un manifesto d’autore per l’edizione 2018 del Premio Sele d’Oro Mezzogiorno e all’organizzazione di questa mia mostra personale, curata naturalmente dal mio caro amico Antonio Perotti.

Ton Pret scarpa di Italia

Ton Pret di fama mondiale in Italia

Doppia mostra Ton Pret a Salerno

​Durante il “LUCI D’ARTISTA 2019/2020”, un grande evento con oltre 2 milioni di visitatori. Le mostre si terranno dal 28 novembre al 30 dicembre presso il famoso Teatro Delle Arti e la splendida Villa Cararra.

Le mostre sono organizzate dalla città di Salerno con il direttore artistico Antonio Perotti.

Exhibition la triennale di Milano 2018

Le immagini di Ton Pret… Nel tempo “ciclico” non c’è rimpianto e non c’è attesa. La trama che lo percorre non ha aspettative né pentimenti. Nel tempo ciclico non c’è futuro che non sia la ripetizione dell’appena passato e non c’è da aspettare nulla se non ciò che deve ritornare. Appartengono a questo tipo di tempo le immagini di Ton Pret. Ma è anche vero che le sue immagini si ricompongono continuamente in un nuovo equilibrio proprio quando riescono ad ottenere una certa solitudine e isolamento: ecco allora che queste immagini rientrano nel tempo “progettuale” che è il tempo in funzione delle sue intenzioni. Sono proprio così le immagini di Ton Pret…. Ma se infine il progetto non riguarda il domani, se i pensieri corrono lontano dai confini, ecco allora che le sue immagini diventano ‘utopiche’ proprio quando, e solo, si dilata smisuratamente lo spazio tra presente e futuro. Sono anche così le immagini di Ton Pret… Ton, dimmi che è così!

Alessandro Guerriero, Designer

Spoleto Art Festival award 2017

​Dal 22-09-2017 al 25-09-2017, il famoso Spoleto Art Festival si è tenuto nella bellissima e culturale città italiana di Spoleto. Accanto alla sua mostra, l’artista Ton Pret viene premiato, in questo grande festival d’arte, con un premio internazionale.​